Ricerca
comunità e distretti

Trafficare e darsi da fare nell’attesa del ritorno di Gesù Cristo

21.11.2021

Il vescovo visita la comunità di Milano per la benedizione delle nozze di rubino di una coppia.
 
/api/media/520469/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=d338e3298d797c85caec66365a9361b6%3A1688318588%3A6425075&width=1500
/api/media/520470/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=28c9151aaccf2465de1bf2eff1f433b1%3A1688318588%3A9026923&width=1500
/api/media/520471/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=d508338f60aafa40957ee9e2a34e35b0%3A1688318588%3A9076801&width=1500
 

Ancora una grande festa nella comunità di Milano Centro, domenica 21 novembre 2021, in occasione della visita del vescovo Ivan De Lazzari.

“Ci sono anche dei corpi celesti e dei corpi terresti, ma altro è lo splendore dei corpi celesti, e altro quello dei terresti. Altro è lo splendore del sole, altro lo splendore della luna, e altro lo splendore delle stelle; perché un astro è differente dall’altro in splendore. Così è pure della risurrezione dei morti. Il corpo è seminato corruttibile e risuscita incorruttibile.”

Con questa parola, tratta dalla prima lettera ai Corinzi 15, 40-42, il vescovo ha aperto il servizio divino, sottolineando, nella sua predica, che i figli di Dio sono chiamati a risplendere e adoperarsi per il ritorno di Gesù Cristo. Non sappiamo quando Gesù ritornerà e bisogna ricordare che il Signore è il padrone del tempo; per questo, nell’attesa, non vogliamo essere passivi: attivamente, nella comunità, vogliamo trafficare e darci da fare con gioia, brama e perseveranza.

Sempre in tema di tempo e perseveranza, una coppia, l’evangelista Renato De Marco e la consorte Giovanna, hanno ricevuto la benedizione per le nozze di rubino, 40 anni di matrimonio. Anche essi sono stati perseveranti nel rimanere uniti, affrontando le situazioni della vita, nella vicinanza a Dio.

Organo e pianoforte hanno colorato i momenti salienti di questa domenica speciale.

Al termine del servizio divino, la coppia in festa ha distribuito – nel rispetto delle normative anti-Covid – confetti e dolci a tutti i presenti.