Ricerca
comunità e distretti

L’apostolo visita la comunità di Bergamo

08.04.2018

L’8 aprile 2018, a un anno dall’inaugurazione del nuovo locale di culto.
 
/api/media/503733/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=3e4ca76d72db3988cf7c58dde152a389%3A1643459655%3A3971803&width=1500
/api/media/503734/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=c36c2cbdda52b14b130bee8756b8016a%3A1643459656%3A7820030&width=1500
/api/media/503735/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=3bc56e06a3c804170982d94e7c20cf1d%3A1643459656%3A1491111&width=1500
 

Dopo circa un anno, l’apostolo Rolf Camenzind torna a Bergamo l’8 aprile 2018 per officiare un servizio divino. Il nuovo locale era stato inaugurato il 26 marzo 2017 proprio da questo servo di Dio, che ai tempi rivestiva il ministero di vescovo.

Accompagnato dall’evangelista di distretto Roberto Manna, l’apostolo ha letto un passaggio biblico che si trova nel Vangelo di Marco, capitolo 9, versetto 2: “Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo, Giovanni e li condusse soli, in disparte, sopra un alto monte. E fu trasfigurato in loro presenza”.

L’apostolo ha sottolineato come il passaggio biblico si riferisca al momento in cui alcuni discepoli, sull’alto di un monte, assistono alla trasfigurazione di Gesù, che si mostra insieme con Mosé ed Elia. Questi due personaggi biblici hanno lavorato entrambi per l’annuncio della venuta del Messia. Con la loro condotta, hanno dimostrato che, seguendo Dio e servendolo, è possibile, pur andando incontro a sofferenze, fare esperienza del Suo sostegno e del Suo aiuto. Pietro è confuso, non sa bene cosa dire, ma ciò che importa momento è ascoltare la voce di Dio. Se fino ad ora hanno vissuto la presenza di Gesù come uomo, da questo momento potranno percepire la Sua presenza come vero Dio. Questo aiuterà i primi discepoli nella loro opera di testimonianza.

Anche oggi lo Spirito Santo ci aiuta a riconoscere Dio e il Suo intervento nelle nostre vite, così come l’importanza e la bellezza di un servizio divino e della comunione con Cristo nella Santa Cena. Non vediamo più l’imperfezione umana dei servi, ma la grandezza e l’amore di Dio.