Ricerca
comunità e distretti

Il Dio della speranza

17.01.2019

Una visita ricca di gioia per la comunità di Trezzano sul Naviglio (MI) e Busto Arsizio (VA)
 
/api/media/503546/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=0eccb17d8592c8be0360cb5d3bc28844%3A1643455528%3A7236435&width=1500
/api/media/503547/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=52067a779516a5405e9ccd5ba6e45135%3A1643455528%3A3956866&width=1500
/api/media/503548/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=6c1d880f88ea89aa76fc2d9acac950bd%3A1643455529%3A8719421&width=1500
/api/media/503549/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=dd02a3965dad11a9208f6cc41a9c9010%3A1643455530%3A4391024&width=1500
 

L’anno 2019 non poteva iniziare in maniera migliore per queste comunità, se non con la visita dell’apostolo di distretto Giorgio Zbinden il 17 gennaio, accompagnato dall’apostolo Rolf Camenzind.

Questa visita ha preceduto l’invito di tutte le comunità dell’Italia Nord-Ovest nella comunità di Lugano la domenica successiva 20 gennaio 2019, ove i fratelli e sorelle dell’Italia e del Ticino avrebbero ricevuto il dono di un nuovo vescovo.

Intanto, le comunità riunite in questo giovedì sera hanno avuto la possibilità di godere della predica basata sul testo nella Lettera ai Romani 15, 13: “Or il Dio della speranza vi riempia di ogni gioia e di ogni pace nella fede, affinché abbondiate nella speranza, per la potenza dello Spirito Santo”.

L’apostolo di distretto ha affermato che il Signore è il Dio della speranza. Gli uomini non possono fare sempre quello che pensano o che vogliono. A volte le cose vanno diversamente. Forse, a volte, ciò è il risultato del fatto che la nostra speranza non è fondata sulla potenza di Dio. Dio è presente anche quando non lo pensiamo. Dio è il contenuto stesso della speranza.

Il Signore ha sempre dato la speranza:

  • dopo il peccato commesso da Adamo ed Eva, già da subito il Signore diede una speranza per il futuro del genere umano, affermando che il frutto della loro progenie avrebbe infine sconfitto il male;
  • anche il popolo d’Israele aveva ricevuto la speranza che il Signore avrebbe combattuto per esso e che doveva stare tranquillo perché si sarebbe preso cura di esso;
  • al tempo di Noè gli uomini ricevettero una speranza di salvezza con l’ingresso nell’arca.

La più grande speranza per l’umanità è infine rappresentata dalla venuta di Gesù come uomo sulla terra. Anche se non tutti lo hanno accettato, tramite il Suo sacrificio è arrivato il dono più grande: la salvezza spirituale. Da questa salvezza e speranza deriva la nostra pace e la nostra gioia.

Una bella preparazione per la festa di domenica 20 gennaio 2019!