Ricerca
comunità e distretti

Prime visite del nuovo vescovo nell’Italia Nord-Ovest

17.02.2019

È stato un concentrato di emozioni il week-end del 16 e 17 febbraio 2019 per il distretto Italia Nord-Ovest, in occasione delle prime visite del nuovo vescovo Ivan De Lazzari.
 
/api/media/503503/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=86f7831d165ac0b37dbaa778a42b5ff0%3A1642428658%3A2993074&width=1500
/api/media/503504/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=a9cc70d2f58395a829eedbe7489abf2c%3A1642428658%3A4560719&width=1500
/api/media/503505/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=99ad656a31eeeb8e1c7ba79f4599e393%3A1642428658%3A6976097&width=1500
/api/media/503506/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=fdc8c392e1a29b7b4fd99f8c886f1c51%3A1642428658%3A4139390&width=1500
/api/media/503507/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=421d1c462d582d11b479abccb6c82a07%3A1642428658%3A2025579&width=1500
 

Sabato 16 febbraio, di sera, il vescovo ha officiato nella comunità di Busto Arsizio nel Varesotto, mentre la domenica mattina ha servito i fratelli e sorelle delle comunità di Milano e Trezzano sul Naviglio riuniti nella chiesa di Milano.

Alla base del servizio divino vi è stata la parola che si trova nel Vangelo di Giovanni 4, 42 ove è scritto: “…e dicevano alla donna: Non è più a motivo di quello che tu ci hai detto, che crediamo, perché noi stessi abbiamo udito e sappiamo che questi è veramente il Salvatore del mondo”.

In tale contesto, la donna samaritana invitò i suoi vicini a venire da Gesù. Grazie alle sue parole loro riconobbero in lui il Salvatore. I cristiani non devono accontentarsi di aver trovato la salvezza per se stessi, ma hanno anche il compito di invitare. Le nostre comunità devono restare attive nell’opera missionaria e professare Gesù quale Salvatore del mondo.

Il coro dei grandi e dei bambini ha aggiunto emozioni ad emozioni in questi servizi divini, in cui il vescovo ha rimarcato il suo amore per tutti gli affidati.

È stata visibile la grande commozione che egli provava nel servire per la prima volta in queste comunità e i fratelli e sorelle hanno avuto anche modo di conoscere più da vicino il nuovo vescovo, parlare con lui e condividere la loro gioia.